Specchio specchio delle mie brame chi è… il più bel AFR del reame?

mirror-mirror

Tra una accesissima discussione per chi ha l’accessorio più cromato o la moto più dark o tra i lamenti per le quantità di denaro speso in orpelli inutili, sempre più frequentemente si sente parlare di centraline e rapporti stechiometrici.
Rapporti stechiometrici, che parola evocativa, ma no non si riferisce a strani riti iniziatici del Ngorongoro, anche se spesso i “tecnici” del settore per primi ne parlano come se lo fossero.

Il rapporto stechiometrico prende il nome dalla stechiometria che è la branca della chimica che studia i rapporti quantitativi delle sostanze coinvolte nelle reazioni chimiche. Lo studio dei quantitativi in stechiometria ha lo scopo di individuare le quantità in modo che le reazioni siano bilanciate.
Per le nostre amate moto la stechiometria ci dice che nei motori a benzina – in condizioni di funzionamento normale – il valore stechiometrico aria/benzina ideale è di 14,7:1.
Quindi parlare di “rapporti stechiometrici” è assolutamente inappropriato, il rapporto stechiometrico per un motore a benzina è uno e uno solo 14,7:1.

Non esistono rapporti stechiometrici grassi o magri!

É come se dicessimo che per il calcolo dell’area di un tipo cerchio ci vuole un π alto mentre per un altro tipo di cerchio ci vuole un π basso.

Se, quindi, vi consigliano cose del tipo: “con le nuove marmitte la tua moto ha un rapporto stechiometrico magro devi ingrassare mettendo una centralina alla modica cifra di…” scappate via.

Ora che abbiamo chiarito cosa è un rapporto stechiometrico, ovvero: per i motori a combustione interna alimentati a benzina il rapporto stechiometrico è uno ed è pari a 14,7 parti di aria per 1 parte di benzina, passiamo a interrogare lo specchio delle brame su chi è il più bel rapporto Aria/Benzina.

…continua nei prossimi giorni.